I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [Leggi i dettagli] [OK]
Diritto.it

ISSN 1127-8579

Pubblicato dal 20/01/2017

All'indirizzo http://responsabilitadeglienti.diritto.it/docs/38973-i-modelli-organizzativi-per-la-prevenzione-dei-reati-in-materia-di-sicurezza-sul-lavoro

Autore: Ing. Ilaria Livi, professionista BLS Compliance

I modelli organizzativi per la prevenzione dei reati in materia di sicurezza sul lavoro

I modelli organizzativi per la prevenzione dei reati in materia di sicurezza sul lavoro

Pubblicato in Diritto penale, Diritto del lavoro il 20/01/2017

Autore

50492 Ing. Ilaria Livi, professionista BLS Compliance
Pagina: 1 2 di 2

I modelli organizzativi per la prevenzione dei reati in materia di sicurezza sul lavoro Breve descrizione:
A confronto i modelli di organizzazione e gestione della salute e sicurezza idonei a prevenire i reati previsti dall’art. 25-septies del D.Lgs. n. 231/2001 (di cui all’art 300 del D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i.).

 
Il decreto 231, che statuisce la responsabilità degli enti[1] per la commissione di taluni reati presupposti, tra gli altri, anche in materia di salute e sicurezza sul lavoro, riconosce la possibilità per gli stessi di non rispondere di tali reati[2] nel caso in cui sia stato efficacemente attuato un “modello di organizzazione e di gestione”, anche conosciuto come modello organizzativo o MOG 231.
A tal proposito, il Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro indica, come modelli[3] di gestione idonei ad avere efficacia esimente “231”, quelli elaborati in conformità alle linee guida INAIL o allo standard BS OHSAS 18001, per le parti corrispondenti.
Ciò significa che un MOG 231 implementato a partire dai requisiti delle linee guida INAIL o, ancor meglio, supportato da un sistema di gestione per la sicurezza certificato in conformità allo standard OHSAS 18001, garantisce la messa in atto (comprovata, in questo caso, anche da un Ente terzo certificatore) di un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro efficace anche ai fini della prevenzione dei reati.
Il D.Lgs.
n. 81/08 precisa, tuttavia, che tali modelli sono conformi a quanto richiesto dalla normativa ex D.Lgs. n. 231/2001 per le parti corrispondenti.  
Essi, dunque, sono quasi del tutto completi, salvo alcuni aspetti propri della “231” quali, in particolare: il sistema di controllo[4] ed il sistema disciplinare[5].
Per parte “non corrispondente” si intende quella parte non espressamente indicata come requisito del sistema di gestione né dalle Linee Guida UNI – INAIL né dal BS OHSAS 18001 o, almeno, non indicata nelle stesse accezioni previste dalla “231”.
È, pertanto, fondamentale analizzare sia le discordanze che le azioni da implementare per colmare il gap evidenziato.
Per “sistema disciplinare” si intende quell’insieme di previsioni da attuare nel contesto aziendale con il fine di sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello; mentre il “sistema di controllo” è inteso come la verifica

Libro in evidenza

L' appello nel processo del lavoro

L' appello nel processo del lavoro


Il testo contiene una trattazione operativa e puntuale del processo di appello nelle controversie di lavoro. L’opera, con giurisprudenza e formulario, costituisce un supporto all’attività pratica degli operatori, analizzando tutte le fasi del processo di secondo grado nelle controversie di lavoro:...

29.00 € 23.20 € Scopri di più

su www.maggiolieditore.it

verifica e il monitoraggio della corretta attuazione e idoneità delle misure adottate dal modello e del suo mantenimento nel tempo.
In riferimento a tali aspetti, sistema disciplinare/sanzionatorio, le norme INAIL e BS OHSAS, pur contemplando dei sistemi di diffusione della cultura della sicurezza (comunicazione, coinvolgimento dei lavoratori, rilievo delle anomalie, segnalazioni, etc.), non si spingono oltre e non prevedono dei sistemi sanzionatori per il mancato rispetto del modello.
Proprio per tali ragioni la carenza deve essere colmata dal tecnico/sistemista che progetta e realizza il sistema di gestione della sicurezza, ovviandovi tramite l’implementazione di una o più procedure tese ad individuare e sanzionare i comportamenti che possano favorire la commissione dei reati di cui all’articolo 25-septies del D.Lgs. n. 231/2001 (così come modificato dall’art. 300 del D.Lgs. n. 81/2008) e il mancato rispetto delle misure previste dal modello.
La tipologia e l’entità dei provvedimenti disciplinari individuati dovranno comunque essere coerenti con i riferimenti legislativi e contrattuali applicabili ed essere, altresì, documentati.
Per quanto riguarda, invece, il sistema di controllo, la “non corrispondenza” è molto più sottile e facilmente compensabile: qualora un’azienda si sia dotata di un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro conforme ai requisiti delle Linee Guida UNI-INAIL o dello BS OHSAS 18001, essa attua il proprio sistema di controllo attraverso la combinazione di due processi strategici per la conformità del sistema di gestione stesso: Monitoraggio/Audit Interno e Riesame Della Direzione.
Tuttavia, per la “231” tali processi rappresentano un sistema di controllo idoneo solo qualora prevedano il ruolo attivo e documentato, oltre che di tutti i soggetti della struttura organizzativa aziendale per la sicurezza, anche dell’Alta Direzione (intesa come posizione organizzativa eventualmente sovrastante il datore di lavoro). Anche in questo caso, il tecnico/sistemista può provvedere affinché siano implementate procedure che prevedano
[...]
Pagina: 1 2 di 2

Poni un quesito in materia di penale


Libri correlati

Articoli correlati

Logo_maggioliadv
Per la pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it | www.maggioliadv.it
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Logo_maggioli